FRANCESCO MARCHI (DIRETTORE) - www.filarmonicagverdiscortichino.it

Vai ai contenuti

FRANCESCO MARCHI (DIRETTORE)

CONTATTI > NOTIZIE MUSICISTI
Il maestro Marchi diresse la Filarmonica dal 1912 al 1945.
II maestro Garani insegnò a Marchi l'armonia e il contrappunto.
Marchi era svelto, appassionato, perse tante ore per studiare di notte. Durante il giorno era impegnato a lavorare, faceva il falegname ed era talmente appassionato alla musica fino a trascurare famiglia e lavoro».
Sempre a proposito del maestro Marchi
«...io ero povero, e mio padre non poteva pagare a Marchi lo scudo al mese, che allora serviva per le lezioni di musica. Così ci faceva scuola gratis. In cambio mio padre andava a tagliare l'erba per tutto l'anno su un po' di terra di sua proprietà...
Quando si andava a scuola di giorno, nella sua bottega di falegname, lui smetteva il lavoro per insegnare a noi la musica e se la lezione andava bene ci scrìveva a mano un nuovo studio da imparare per la prossima volta. Non abbiamo mai comperato un libro di musica, ci scriveva tutto a mano.
Prima ci insegnava il solfeggio, poi lo strumento. Ci faceva solfeggiare solo con il piede per abituarci ad avere le mani libere poiché un giorno le avremmo avute impegnate dallo strumento.
Allora tra l'apprendimento del solfeggio e dello strumento occorrevano quasi tré anni prima di poter entrare in banda...
Lui insegnava la tecnica di tutti gli strumenti dalla grancassa, al clarino, al trombone, faceva tutto lui, c'era solo lui...
Quando un allievo entrava in banda si appoggiava al suo collega più anziano, che gli insegnava il mestiere...»


Da «Ricordi e testimonianze di alcuni Soci anziani»



Torna ai contenuti